• Humangerie Team

Come avere un'idea e realizzarla davvero

ENGLISH / ITALIANO


Consigli di una tentata imprenditrice.



Specialmente tra noi giovani avere un’idea e metterla davvero in pratica sembra un sogno inarrivabile – sia perché siamo una generazione con le speranze sotto i piedi, sia perché siamo un gruppo di lesi che non sa alzare il culo. Quindi vediamo un po’ come e da dove partire. Ripeto comunque, io ci sto ancora provando, ma ci vado sempre più vicina.


Questi sono consigli reali maturati sul campo, non un corso di marketing aziendale.


1. Capire in cosa siamo bravi o cosa non ci annoiamo a portare avanti

Sembrerà banale, ma non lo è. Io sono una sognatrice e ho continuamente idee che mi sembrano geniali e un tempo credevo di poter mettere in atto tutto quello che volevo. Purtroppo o per fortuna, crescendo ci ridimensioniamo e capiamo che anche se l’idea è geniale se non siamo in grado di andare oltre quello niente è realizzabile. Quindi, o c’è da capire in cosa siamo bravi e impegnarci a fondo, o capire cosa non ci annoia a lungo andare – forse ancora più importante - e trovare un modo di aprire un’impresa e appassionatamente far fare ad altri quello che vorresti fare tu. Dove non arrivi te fai andare qualcun altro.




2. Avere un team – UN VERO TEAM

Anche questo sembra molto ovvio, ma di nuovo non lo è. In tutte le mie fantastiche idee ho sempre provato a contare sui miei amici, dando per scontato che siamo simili e tutti vorranno aiutarmi e saranno bravi nel farlo. NON E’ VERO! I tuoi amici non sono te e non possono essere il tuo team solo perché condividete un certo numero di cose: magari a loro dell’arte o del cinema non frega un cavolo e anche se l’idea in se è accattivante non saranno mai in grado di supportarti davvero – un po’ per mancanza di passione, un po’ per mancanza di strumenti necessari. Quindi trovati un vero team, basta una o due persone valide piuttosto che un gruppo inutile. E’ un po’ la causa-effetto del primo punto. E questo team non deve essere ‘tuo amico’, basta che collaborate bene insieme. Poi, se arrivano anche le birre la sera ancora meglio, sennò rimarranno semplicemente i tuoi collaboratori.

3. Porta avanti prima tutto te, e poi conta sugli altri

Il segreto di un imprenditore – e non parliamo di aziende petrolifere, ma di qualsiasi tipo di attività – sta nell’essere sempre un passo avanti agli altri. Ho detto si che hai bisogno di un vero team, ma la gente è pigra, non sa dove andare a parare. Quindi tu procedi indipendentemente e guarda sempre avanti. Se hai tempo risolvi tu i problemi che avevi affidato ad altri, pensa tu alla mansione che avevi delegato al tuo collega, decidi tu come vorresti l’immagine della tua impresa, pensa sempre ai prossimi passi prima che quelli attuali siano conclusi; e ricorda, pensaci te prima di tutti, anche se in quel momento quello non era il tuo compito. Malgrado chi c’è, pensa sempre che ci sei solo te e come te la potresti cavare se improvvisamente tutti ti mollassero.


> Job Hacks:

- Intervista a due giovani imprenditrici

- Sono un artista e non so cosa fare della mia vita


4. Avere un’immagine e trovare almeno un elemento che ti differenzi

In questo mondo pieno di qualunque cosa e col cervello ormai in pappa per potersi concentrare troppo, la parte visuale di qualunque cosa fai è importantissima. Se trovi un modo di crearti un’immagine sei già qualcuno, qualche idiota che ti inizierà a seguire solo perché l’immagine della tua attività è fica ci sarà e quello sarà il tuo trampolino di lancio. Oltre all’immagine, ti serve almeno un elemento che ti differenzi, puoi anche fare quello che fanno tutti ma se il tuo slogan contiene un elemento originale, accattivante e che sembra unico, avrai fatto centro. Tutti hanno fatto tutto ormai quindi non puntare su qualcosa che non esiste, ma trasforma l’esistente ed evolvilo.


6. Non avere paura di parlare

A volte dicono di non parlare troppo delle tue idee perché qualche stronzo potrebbe rubartele. E secondo me non è vero. Certo, non andare a dire a tutti per filo e per segno cosa stai facendo, ma se stai creando qualcosa lo stai comunque facendo per un pubblico. Quindi parla, vedi di cosa la gente ha bisogno, segui i bisogni e i desideri di quella che sarà la tua audience.

7. LAVORA DURO E STRINGI I DENTI!

Ultimo, ma non ultimo. Iniziare qualcosa è sempre difficile, che si sappia di cosa si tratti o meno. Quindi non c’è verso di iniziare niente di fatto bene se all’inizio non si stringe i denti. Ti sembrerà insormontabile, incomprensibile, ma se non sbatti la testa all’inizio per crearti una base solida niente potrà essere portato avanti. Ti devi sentire sicuro di quello che fai, devi riuscire a spiegare cosa stai facendo, ma anche riuscire a capire quali sono i tuoi dubbi, e poterli esplicare – questo vuol dire che saprai almeno con cosa ti stai confrontando, non importa se ci sono inceppi, quello è normale. Se alle domande che ti pongono ci sono più risposte come '‘ora ci penserò'’ ‘'si, ci sto pensando'’ ‘'no lo so, sto già cercando una soluzione'’ etc. già non va bene! Devi essere in grado di dire a cosa stai pensando, quale soluzione stai cercando e a cosa di preciso. Non dormirai per una settimana magari, soffrirai, ma ti assicuro che una volta superato quel gradino lavorerai su qualcosa di concreto e arriverà la parte divertente. Quindi stringi i denti e alza il culo, aspettando non si va da nessuna parte!



#esperienzedivita #interviste #giovani #lifestyle #lavoro

ABOUT               JOBS              SUBSCRIBE             CONTACTS

  • Facebook
  • Pinterest
  • Instagram

© Humangerie LLC