• Humangerie Team

Cosa ho imparato al termine della mia relazione tossica

Chi di noi non si è mai ritrovato deluso e con il cuore spezzato per l'ennesima volta da qualcuno che non era meritevole del nostro amore? Ecco le lezioni più importanti che ho imparato dalla mia personale esperienza con un partner tossico.



Per definizione, una relazione tossica è una relazione caratterizzata da comportamenti da parte del partner ‘tossico’ che sono emotivamente e, non di rado, fisicamente dannosi verso l’altro partner. Una relazione tossica è caratterizzata da insicurezza, egocentrismo, dominio e controllo.


Che si tratti del tuo primo amore o del tuo ventesimo, a volte le lezioni più importanti possono essere solo apprese nelle situazioni più difficili, ma ciò non significa che il tempo trascorso a imparare quelle lezioni sia stato una perdita di tempo.


Conosco tante persone che non hanno mai avuto il dispiacere di essere in una relazione nociva da giovani, e poi a 40 anni, si sono inaspettatamente ritrovate un partner tossico che gli ha distrutto la vita. Quasi quasi, è più facile riparare un cuore spezzato a 20 anni che nel mezzo di un matrimonio.



> Relapses: racconto di una relazione tossica



Fortunatamente io ho avuto quest’esperienza quand'ero abbastanza giovane e, anche se sono stata bloccata per due anni nella più totale miseria, almeno quando ne sono uscita ero ancora in tempo per ricostruire la mia dignità e la mia vita. Studiavo all’università, quindi non c'era quel peso di dover affrontare la vita reale.


Malgrado la sofferenza, sono grata per tutto quello che ho vissuto, perché adesso dispongo di tutti gli strumenti necessari per far si che non mi ritroverò mai più in quella posizione. Se vi siete trovati nella mia stessa situazione, o magari siete ancora intrappolati nella relazione, sono qui per dirvi di mantenere la speranza ed il coraggio perché avete tutto il potere nelle vostre mani anche se il vostro partner vi fa sentire diversamente.



Nota i campanelli di allarme


Non potrò mai parlarne abbastanza di questo punto. Questo tipo di relazioni danneggiate sono molto spesso avanzate proprio dal partner 'tossico' stesso, non da noi povere vittime. Nel mio caso, quando ho incontrato il mio ex non mi interessava per nulla e lui continuava a corteggiarmi per settimane. Quando ho finalmente abboccato, sono iniziati tutti i drammi.


Già dal corteggiamento iniziale avevo notato dei comportamenti che non mi tornavano molto, ma decisi comunque di dargli una chance. Durante la nostra relazione, durata due anni, i campanelli di allarme continuavano a suonare ed io mi aggrappavo a qualsiasi scusa per difenderlo. Alla superficie, i suoi problemi maggiori erano con l’alcol, l'infedeltà, la misoginia, gelosia eccessiva… Insomma, la lista va avanti. Questi comportamenti, se fanno parte del loro vero carattere, usciranno sempre fuori. E quando si presentano, è importantissimo prestarci attenzione.



Ascolta il tuo istinto


Non è abbastanza notare i campanelli di allarme se non ti fidi abbastanza di te stesso per prendere la decisione giusta nei tuoi confronti. Ogni volta che sopprimi quella voce dentro di te che ti dice di andartene, ti seppellisci ancora più profondamente nel cumulo di merda.


Ho sentito dire tante volte (soprattutto da uomini) ‘se sei in una relazione con uno che ti picchia o che ti tradisce e ne sei consapevole, allora sei tu lo stupido/a perché continui a rimanerci.’ E vi prego, smettetela di dire queste stronzate che non aiutate nessuno. La tendenza ad ignorare i nostri istinti e rimanere in una relazione tossica non origina dalla stupidità, piuttosto dall’ingenuità dell’amore perpetuata dalla manipolazione del nostro partner.


Per l’appunto, io avevo notato subito che il mio ex aveva sempre l’occhio altrove flirtando con qualsiasi donna con cui veniva in contatto. Penso che lui mi avrà fatto le corna come minimo una ventina di volte nel mentre che stavamo assieme. Cioè, fino al punto che le sue amanti mi chiamavano da numeri privati o mi mandavano messaggi su Instagram per dirmi che era un pezzo di merda e che mi meritavo molto meglio... Eppure, io ho ignorato tutti gli allarmi e tutti miei istinti perché lui aveva sempre una scusa perfetta adatta ad ogni situazione.


Ascolta i consigli dei tuoi amici o dei tuoi familiari


Se non sei in grado di ascoltare la tua di ragione, prova almeno ad ascoltare i consigli dei tuoi amici e familiari che ti dicono di lasciare il tuo partner. Certo, loro non fanno parte della vostra relazione e non potranno mai capire esattamente quello che stai provando, però sono anche le persone che ti conoscono meglio di tutti e, fidati, si accorgono quando stai sacrificando il tuo benessere per il benessere di qualcun altro. Alla fine ho capito che stavano solo cercando di aiutarmi e ripensandoci ora mi rendo conto che mi sarei risparmiata tanto tanto tempo e sofferenze se gli avessi semplicemente ascoltati senza pregiudizio.



Non puoi cambiare le persone


Puoi supportare il tuo partner, puoi stare dalla loro parte in tempi difficili ed aiutarli, ma non puoi cambiarli. Non per dire che le persone non sono in grado di cambiare, semplicemente non è il tuo ruolo di correggere i suoi problemi (almeno che tu non sia nel campo della terapia, ma anche lì, una persona può solo cambiare quando è pronta, nessuno può costringerli).


Questo per dire, abbandonate subito l’idea di stare con una persona anche se i loro modi di fare sono tossici perché ‘forse un giorno capirà davvero e metterà in azione tutte le promesse che mi ha sempre fatto’. Certe persone hanno traumi talmente profondi al di fuori della vostra relazione che se non sono minimamente disposti ad affrontarli con un professionista, sicuramente non potrai sistemarglieli tu.



Non sminuire la tua autostima solo perché qualcuno non ne vede il valore


E’ normale quando ti innamori di voler condividere tutto con quella persona: tutti i nostri segreti, le nostre insicurezze, i nostri fallimenti, i nostri successi... Purtroppo quando riveli queste informazioni ad un partner tossico, useranno questi fatti contro di te per sminuirti a tal punto di abbatterti, così che loro possano mantenere il controllo sulla relazione.



> Cosa mi hanno insegnato le relazioni a distanza sull'amore



Non è ovvio lì per lì, infatti io ci ho messo tanto tempo a capire la strategia del mio ex. Benché i suoi comportamenti infedeli erano molto evidenti, era comunque molto attento a coprire le sue tracce.


Le poche volte che avevo prove concrete della sua infedeltà, non riuscivo mai a ‘vincere l’argomento’ perché lui era veloce a cambiare marce nella conversazione e passare dal difensivo all’attacco. Ad un certo punto della mia disperazione, sono seriamente arrivata a dirgli ‘guarda, anche se tu mi hai tradita rimarrò con te, ho solo bisogno che me lo ammetti’ (solo per mantenere la mia sanità mentale).


La cosa che mi dava più noia era che lui non è mai stato in grado di ammettere che aveva sbagliato in qualsiasi modo, o sparava cazzate per discolparsi o usava le mie vulnerabilità contro di me, per umiliarmi ed isolarmi. Una delle sue tattiche di manipolazione preferite era quella di mettermi contro i miei amici e la mia famiglia, rinfacciando i miei di errori ed insultandomi pesantemente per poi dirmi che nessuno al mondo mi amava tanto quanto lui.


Per questo dico è essenziale ricordarci del nostro valore, indipendentemente da quello che gli altri pensano di te. Nessuno è perfetto, certamente non io, ma non significa che bisogna compromettere la nostra felicità e mettere i nostri interessi in secondo piano per qualcun altro. A volte l’amore richiede certi sacrifici, ma se il tuo partner approfitta della tua pazienza e bontà per farti sentire una merda, allora non ne valgono veramente la pena. Prima lo capisci e meglio è.



L’unico modo per uscirne davvero è dargli un taglio netto


Una relazione tossica può essere difficile da riconoscere e persino più difficile da abbandonare. Dopo tutti gli sforzi falliti per aggiustare la relazione, arrivi ad un certo punto di rottura dove capisci che non potrà mai funzionare se continui così, ed allora decidi di lasciare il tuo partner. Per tanto, continui a dargli corda anche dopo che vi siete mollati, lasci ancora esposte le tue vulnerabilità.


Non continuare a tornare alla persona che ti ha spezzato il cuore, solo perché sei ancora innamorato di loro.


E qui ci ho ribattuto la testa mille volte.


Tutte le volte che arrivavo al mio limite e provavo a mollare il mio ex, lui trovava sempre un modo per rientrare nella mia vita. Anche qui i suoi comportamenti erano ciclici: prima mi infamava, poi mi assillava con chiamate, poi si ubriacava e mi bombardava di messaggi minaccianti eventualmente presentandosi sotto il portone di casa mia. Le prime dieci volte che l’ho lasciato il ciclo si fermava sempre qua, ma con il tempo mi sono fatta molta più forza trovando il coraggio di non cedere alle sue delusioni.

Quando lui si è finalmente accorto che stava iniziando a perdere controllo del suo potere nella nostra relazione, e che le sue solite avance non stavano più funzionando, ha iniziato con le minacce di suicidio. Mi lasciava messaggi alla segreteria telefonica facendo commenti del tipo ‘se non mi incontri per un caffè oggi, ti giuro che prendo la pistola di mio padre e mi sparo in bocca’.


All’inizio gli rispondevo, cercando di rassicurarlo. Dopodiché, mi sono accorta che sebbene riuscivo a calmarlo, lui aveva già capito che questa nuova tattica era un metodo efficace per riprendere il potere della relazione. Così, quando non cedevo alle sue richieste di rimetterci assieme, lui cercava di spaventarmi con l’idea che si sarebbe ucciso in una maniera molto grafica e terrificante. Un giorno sono esplosa e gli ho detto che stavo chiamando un’ambulanza e la sua famiglia per ripetergli quello che mi stava dicendo e lì ha cambiato tutto il suo atteggiamento perché sapeva che avevo intravisto tra le sue stronzate.


Solo quando mi sono ripromessa che non mi sarei mai più guardata indietro e che avrei proseguito per la mia strada senza di lui, ho ritrovato la mia libertà e sono riuscita a superare tutto questo.



Impara a perdonare te stesso per i tuoi errori


Ho terminato la relazione tossica, ed ora?


Ora nel tuo tempo da single devi lavorare su te stesso per riparare il danno e drenaggio emotivo che hai affrontato nella relazione. Queste lezioni di vita non ti arrivano immediatamente alla fine del rapporto, piuttosto quando inizi a ristabilizzare il rapporto con te stesso.


Sono passati quasi quattro anni da quando ho lasciato il mio ex ed ho ancora certi triggers che mi riportano ai traumi della relazione. Tutt’ora, quando ripenso a quel periodo della mia vita, è inevitabile che non mi senta una cogliona. Però stare qua a rimproverarmi per tutte le cose stupide che ho fatto e tutti i segnali che ho ignorato non ha alcun senso.


Alla fine ho capito che tutti hanno la capacità di manifestare questi atteggiamenti tossici verso i nostri partner o amici, la differenza è che alcuni di noi hanno il desiderio di educarsi per correggere le loro tendenze sbagliate e migliorare, mentre altri ignoreranno ogni responsabilità e continueranno a comportarsi nello stesso modo. Fai attenzione, fidati il giusto ma soprattutto ama te stesso perché te lo meriti davvero.



> Vai a scoprire la nostra sezione ''sesso e relazioni'' per confrontarti, svelare dubbi, e spesso farti anche una risata.

Hai qualche domanda? Vuoi condividere la tua storia? Contattaci!


#esperienzedivita #umani #riflessioni #sessoerelazioni

ABOUT               JOBS              SUBSCRIBE             CONTACTS

  • Facebook
  • Pinterest
  • Instagram

© Humangerie LLC