• Humangerie Team

Cosa significa essere un'Influencer nel 2020: intervista con Vanessa Bartalesi

Influencer: "Stare al telefono tutto il giorno e guadagnare un sacco di soldi." No, non è vero. E oggi Vanessa Bartalesi ci spiega perché.



Si potrebbe pensare che fare l'Influencer equivalga a svendersi, fare soldi facili o essere ossessionati dai social media e dalla propria figura. No.


Nel 2020, essere un Influencer significa essere una mente creativa che sfrutta il più grande mezzo di comunicazione che abbiamo a disposizione per espandere e trasmettere le proprie idee e la propria creatività. Non è né un lavoro facile, né che porta a soldi facili, anzi.


Malgrado sia ormai una professione affermata, alla maggior parte delle persone ancora non è chiaro cosa effettivamente significhi, in cosa consista o cosa comporti. Per questo, abbiamo deciso di intervistare Vanessa Bartalesi e farci raccontare i segreti dietro questo, ancora, misterioso lavoro.


H: Chi è Vanessa Bartalesi?


V: Abito vicino Firenze, in un piccolo paesino tra Siena e Firenze. Sono da sempre un’esteta e amante della moda. Mi sto laureando all’Istituto Marangoni di Firenze come Fashion Stylist e Art Director. Ma la strada che mi piacerebbe percorrere è quella dell’Art Direction. Mi sento molto adatta in questo ruolo; come dico sempre mi ritengo un’incubatrice di idee e devo esprimerle e realizzarle il più possibile. Mi lascio ispirare da tutto quello che ho intorno e cerco di trarne una nuova creazione e un business. Contemporaneamente lavoro con Instagram, ho alcune collaborazioni aperte, e mi piace creare contenuti interessanti ma sempre in linea con le mie passioni e il mio stile.


(Instagram @vanessa_bartalesi)


H: Come è nata la tua carriera da Influencer?


V: In realtà è nata dal nulla, come tutte le cose belle e inaspettate. Ho iniziato a condividere ciò che amo e a creare interesse creando dei contenuti che potessero essere utili e interessanti per gli altri.


Adoro pubblicare il mio lavoro e la mia vita quotidiana e consigliare una vita sana e di prendersi cura di noi stessi. Inizialmente ero seguita da un Social Media Manager che mi ha permesso di crescere molto, adesso il nostro rapporto di lavoro si è interrotto e mi sto occupando del mio profilo da sola, ma sono alla ricerca di un nuovo manager che possa aiutarmi a crescere ancora e permettermi quindi di stare dietro anche agli altri miei lavori e impegni.



> Job Hacks: Intervista a due giovani imprenditrici

> Job Hacks: Sono un artista e non so cosa fare della mia vita



H: Mi sembra che esiste una percezione di Influencers che ‘non fanno niente tutto il giorno tranne stare al telefono e guadagnano un sacco di soldi’. Come reagiresti ad un commento del genere?


V: Si questa frase è molto risentita. Ma ormai siamo nel 2020 e chi si esprime così vuol dire che non ha capito niente del mondo e dell’era in cui vive. Oggi lavorare con lo smartphone è diventato un vero e proprio lavoro, perché la creazione di buoni contenuti (post, storie etc.) richiede un grandissimo impegno fisico e mentale. Devi essere sempre attiva, stare dietro a delle scadenze. Degli orari, fare tantissima ricerca sugli interessi della gente che mutano ogni giorno, tenere sotto controllo le tue statistiche e lavorare con brand diversi che hanno aspettative e richieste diverse. E’ un lavoro che non ha orari, e che ti segue e ti accompagna 24h al giorno. E’ un lavoro fatto di continua interazione sociale e devi starci dietro o la gente perde interesse per quello che fai e tutto può svanire in 5 secondi.


H: Ma quindi in cosa consiste effettivamente una tua tipica giornata di lavoro?


V: Non lavorando solo con Instagram seguo moltissimi progetti. Il computer è diventato il mio amante [ride]. Scatto contenuti nuovi in continuazione, mi occupo della parte marketing del mio profilo e faccio molta ricerca come dicevo prima. Purtroppo adesso Instagram ha dettato delle regole molto rigide che ti impediscono di crescere come prima. Che richiedono un grosso investimento. Bisogna starci davvero molto dietro. Una mia tipica giornata lavorativa non ha orari. Come ho detto svolgo tanti progetti diversi durante il giorno, mi piace tenermi sempre full.

(Instagram @vanessa_bartalesi)


H: Fare l'Influencer è un lavoro comunque molto ambito al giorno d'oggi. Che consigli daresti a qualcuno interessato in questa industria?


V: Dare consigli oggi non è semplice, perché come dicevo non è come prima, ora Instagram non ti permette di crescere con facilità. Quello che mi sento di consigliare per è di impegnarsi e di dedicarsi interamente a questa cosa. Di non perdersi mai per strada perché molte volte vorresti lasciare la presa perché poi diventa faticoso, ma di insistere. Più insisti e più risultati hai.

Viviamo in un mondo e in una società fast e bisogna starci sempre al passo.


Un grande consiglio è quello di non utilizzare Bot perché le aziende che intendono collaborare seriamente con te prima di informano perché altrimenti non investono su di te, non avrebbero nessun ritorno. E in più Instagram se ne accorge e ti banna. Adesso non ci sono scorciatoie, ti ripaga solo il tuo duro impegno.



> Come avere un'idea e realizzarla davvero



H: Essendo continuamente agli occhi del pubblico, hai mai avuto degli incidenti di cyber-bullismo? Come gestisci gli ‘haters’, se ne hai?


Su questo sono molto fortunata, non ho haters, è successo rarissime volte che mi scrivessero messaggi invidiosi, ma non gli ho mai dato peso. Se decidi di esporti così tanto devi essere pronta alle critiche e rispondere comunque con rispetto e educazione. Non lasciarsi abbattere e dare soddisfazione al tuo nemico è l’arma vincente.


H: E quali sono, secondo te, gli ostacoli da affrontare per avere successo in questo campo?


V: Sicuramente inizialmente avrai moltissima concorrenza, quindi devi saperti distinguere creando contenuti interessanti, di qualità e sopratutto adatti al pubblico che ti segue. Altrimenti non andrai mai da nessuna parte. Devi essere fedele a te stessa e a ciò che ti piace, ma anche andare incontro al tuo pubblico. Devi trovare un compromesso. Un’ostacolo potrebbe essere quello economico iniziale. Bisogna investire molto per le sponsorizzazioni. E come dicevo prima adesso se non investi non hai nessun risultato. E’ importante per utilizzare i mezzi giusti, e affidarsi a persone competenti, altrimenti si buttano via tanti soldi e non si vede un ritorno.


H: Per concludere, secondo te, quali saranno i trend della prossima stagione? Diciamo che con la situazione che abbiamo passato c'è poco di nuovo a giro, o almeno, siamo meno informati.


V: Per il make-up: trucco ton sur ton, smokey eyes e ombretti color pastello. Ombretto classic blue, rossetto corallo o nuance aranciate, blush per un effetto bonne mine e guance effetto glow. Sopracciglia folte e naturali.


(Instagram @vanessa_bartalesi)


Riguardo i vestiti: il capo di moda principale è sicuramente il blazer, intramontabile e davvero adatto a tutti gli outfit. I crop-top a fascia da mettere da soli oppure sopra una camicia over sono super di tendenza quest’anno. I bermuda in tutti i tessuti possibili; le bags a rete, che ricordano un po’ la summer beach e i sandali intrecciati come quelli iconici di Bottega Veneta.


Per quanto riguarda gli accessori - più nello specifico - le borse abbinate agli occhiali saranno il dettaglio che farà la differenza nello stile e nell’outfit! Pochi pezzi che potete giostrare nell’armadio e abbinare davvero con tutto per essere super di tendenza!


H: Grazie mille, Vanessa. Sei stata di grande ispirazione per tutti i nostri lettori e ti facciamo i complimenti per quello che sei riuscita ad ottenere col duro lavoro! E finalmente sappiamo qualche trucco per ravvivare questa triste estate 2020...


> Vai a scoprire la nostra ''guida agli umani'' per tante altre interviste esclusive e storie di vita uniche.

#arte #creatività #giovani #consigli #lavoro

ABOUT               JOBS              SUBSCRIBE             CONTACTS

  • Facebook
  • Pinterest
  • Instagram

© Humangerie LLC